Home
  1. Schede Tartarughe Acquatiche
  2. Terrapene carolina carolina. Caratteristiche, habitat e alimentazione in natura

Terrapene carolina carolina. Caratteristiche, habitat e alimentazione in natura

La Terrapene carolina carolina, le caratteristiche fisiche, l'habitat e il comportamento in natura, l'alimentazione della tartaruga.

— Aggiornato:

- Foto: Carrie Threadgill. -

La Terrapene carolina carolina è una sotto specie della Terrapene carolina, essa è più comunemente conosciuta con il nome inglese di eastern box turtle, ma anche col nome di woodland box turtle. La tartaruga è stata classificata dal naturalista svedese Carl Nilsson Linnaeus nel 1758. La sotto specie nello specifico è presente in alcuni stati degli USA e in Canada. Il nome deriva dalla parola dei nativi d'America Algonquin (tartaruga) e da Carolina, lo stato dove è stata avvistata per la prima volta. Tutta la specie è classificata come vulnerabile dallo IUCN e inserita nella Red List degli animali a rischio di estinzione.

Caratteristiche fisiche della Terrapene carolina carolina

La Terrapene c. c. è una specie di medie dimensioni con un carapace vistosamente a forma di cupola, che misura circa 19,8 cm e un piastrone di 14,7 cm. La colorazione del carapace varia dal marrone al nero con macchie gialle distribuite e variabili. Gli scuti sono: 12 marginali per lato, 4 pleurali per lato e 5 vertebrali. Il piastrone va dal nero al marrone con possibilità di macchie gialle. La pelle è di colore scuro, con macchie che vanno dal giallo all'arancione; il colore della testa, del collo e delle gambe è tra il marrone scuro e il nero con una preponderanza dell'arancione sul giallo. La tartaruga ha un becco pronunciato che negli esemplari anziani è ancora più evidente. Grazie alla forma delle cerniere piastrali, la tartaruga può chiudersi completamente in caso di necessità.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale della Terrapene carolina carolina è minimo. I maschi sono di dimensioni lievemente maggiori rispetto gli esemplari femmina, rispettivamente: 11,2 - 15,5 cm contro 11 - 15,1 cm. I maschi pesano 250 - 603 grammi, le femmine 258 - 621 grammi. Gli artigli delle zampe posteriori, nei maschi sono curvi e corti, nelle femmine lunghi e sottili e dritti. La cloaca dei maschi (4 - 13 mm) sporge di più rispetto alle femmine (0 - 11 mm). Il colore degli occhi potrebbe essere indicativo del sesso ma non sempre. Le femmine hanno gli occhi prevalentemente di colore marrone (80% su un campione di 169 nella contea di Prince William in Virginia, USA) e rossi i maschi (90% su un campione di 86 maschi).

Caratteristiche degli esemplari baby

I piccoli hanno un carapace giallo evidente su uno sfondo marrone. Il piastrone è chiaro con una macchia marrone centrale.

Riproduzione della Terrapene carolina carolina

Raggiungono la maturità intorno gli 11 centimetri di carapace o 10 - 20 anni di età (Virginia, USA). L'accoppiamento avviene da aprile ad ottobre mentre il deposito delle uova si concentra tra maggio e luglio, ma nel Maryland anche ad agosto e inizi di settembre (Chris Swarth, 2000). Scavano piccole buche di 6 - 8 cm in vari tipi di terreno e depositano tra le 2 e 7 uova le cui dimensioni sono di circa 35 x 21 mm e un peso di 7,8 - 13 grammi. L'incubazione in natura oscilla tra i 69 e 136 giorni, in laboratorio meno (56 - 75 giorni). I piccoli spesso passano l'inverno nel nido dopo la nascita.

Habitat e comportamento della Terrapene carolina carolina

La Terrapene carolina carolina è una tartaruga molto tranquilla e schiva. Diurna, attiva da fine primavera agli inizi dell'estate. Sono catturate facilmente dai bracconieri al termine dei temporali estivi. Quando le temperature sono troppo alte, si nascondono sotto le foglie del sottobosco o nel fango umido. Le popolazioni si trovano prevalentemente in zone boscose aperte ed umide.

Le femmine si muovono di più, perché vanno alla ricerca di un luogo ideale dove nidificare. Alcuni giorni compiono ampi spostamenti, ma per giorni restano sostanzialmente in un'area ben delimitata.

La specie vive in media 25 - 30 anni, ma sono stati segnalati casi di esemplari vissuti fino a 50 anni e in casi rari oltre i 100 anni.

Alimentazione della Terrapene carolina carolina

La sotto specie si ciba di svariati tipi di semi dispersi nei boschi, onnivora, mangia: lombrichi, funghi, fiori e radici, bacche, insetti, anfibi (rane e pesci), salamandre, serpenti, uova e carogne.

Terrapene carolina carolina: una specie a rischio estinzione

La tartaruga è minacciata principalmente dall'uomo. Cade spesso vittima dei mezzi meccanizzati agricoli e delle auto sulle strade. Alcuni osservatori hanno riportato un'alta mortalità durante il letargo invernale, perché predata da altri animali in cerca di cibo. L'attività umana sui territori, ha frammentato le popolazioni isolandole tra loro e riducendo di molto il flusso genetico tra le comunità. La specie è considerata vulnerabile da lo IUCN e inserita nella Red List of Threatened Species.

Riferimenti bibliografici

 

arrow up

Articoli Recenti

Sera crystal clear Professional. Caratteristiche e come si usa    › Miglior filtro per tartarughe: interno e esterno tartarughiera    › 25 specie tartarughe terrestri e acqua dolce in via d'estinzione    › Le tartarughe d'acqua dolce possono stare al sole?    › Jug Bay, santuario naturale per tartarughe d'acqua dolce

Prodotti Suggeriti

Sterilizzatore germicida UVC interno 0.5W    › Aquaflow Technology Filtro 3 strati + UV    › Lampada repti glo UVB 5.0 25watt ExoTerra    › Portalampada con pinza flessibile attacco E27    › Kit pulizia fondale e alghe    › Visita il Ruga Shop